Luce e ombra intorno al globo di Bitcoin code

La settimana scorsa sono successe molte cose in tutto il mondo in termini di regolamentazione. Nel nostro regolamento ECHO guardiamo indietro alla fine della settimana e riassumiamo ciò che è stato detto, pensato o deciso, quando, dove e da chi.

Cina: il vice governatore PBOC è ancora duro per le Bitcoin code

La Cina continua a mantenere una posizione difficile nei confronti delle offerte iniziali di Bitcoin code. I media locali cinesi hanno riferito che Pan Gongsheng, vice-governatore della banca centrale cinese, si è espresso a favore del mantenimento del divieto di Bitcoin code. In considerazione delle sempre nuove offerte fraudolente della gamma di cripto deve rimanere determinato e far valere il diritto valido.

UE: entra in vigore la quinta direttiva sul riciclaggio di denaro sporco
Questa settimana è entrata in vigore la quinta direttiva europea contro il riciclaggio di denaro sporco. Questo è il risultato di un comunicato stampa della Commissione Europea. La direttiva antiriciclaggio intende fornire un nuovo quadro normativo per le autorità di regolamentazione europee. Tra le altre cose, vi sarà una maggiore trasparenza degli scambi e un maggiore scambio di informazioni con altre istituzioni dell’UE, come la BCE.

Corea del Sud: nuove regole per la gestione delle catene di blocco e delle valute criptate
I legislatori sudcoreani hanno pubblicato progetti di legge sulla regolamentazione delle valute criptate. I documenti riguardano anche lo sviluppo di una strategia per l’uso della tecnologia a catena di blocchi. Secondo KoreanTimes, l’iniziativa viene da Song Hee-kyung, un deputato del più grande partito di opposizione, il Partito Liberale di Corea. L’obiettivo delle proposte è prevenire il riciclaggio di denaro, la criminalità informatica e l’uso improprio dei dati.

India: niente criptoban, ma una regolamentazione rigorosa

Secondo la rivista Quartz, il Ministero delle Finanze indiano sta lavorando ad una regolamentazione delle valute criptate. Denmach si considera ora non più divieto di cripto valute. A questo scopo si vorrebbe probabilmente classificare le valute cripto come merci e regolarle di conseguenza. Si vorrebbe probabilmente cercare di rintracciare le fonti di scambi commerciali e identificare gli investitori.

Regno Unito: l’autorità di regolamentazione mette in evidenza il potenziale delle start-up a catena di blocco
Finora ha attirato l’attenzione con avvertimenti contro le valute criptate, ma ora la British Financial Conduct Authority sta dimostrando di aver riconosciuto anche il potenziale della tecnologia a catena di blocco. Nell’ambito di una sandbox, FCA avvia progetti con un totale di undici aziende dei settori blockchain e DLT. Nuovi modelli di business devono essere sviluppati e testati.

Shanghai: la borsa valori vede la regolamentazione DLT come urgente
La Borsa di Shanghai, una delle più grandi borse valori del mondo, sta valutando l’utilizzo di tecnologie di contabilità distribuita per il mercato azionario. In un articolo pubblicato la settimana scorsa, le potenziali applicazioni della tecnologia sono già state analizzate, ad esempio nella registrazione dei commercianti, nell’emissione di nuovi titoli o nell’esecuzione di operazioni commerciali. Tuttavia, il DLT deve prima essere sufficientemente regolamentato prima di poter essere utilizzato regolarmente.

Filippine: Approvati due nuovi scambi
La settimana scorsa abbiamo riferito che un totale di 25 criptoscambi saranno autorizzati per la Cagayan Economic Zone nelle Filippine. Ora la banca centrale del paese ha accettato due nuove Borse. Secondo Business World Online, Virtual Currency Philippines, Inc. ed ETranss sono state accreditate come piattaforme e sono ora autorizzate ad effettuare modifiche di crittografia Fiat.

Comments are closed.